Appunti Meti

ACCOUNT AZIENDALE INSTAGRAM. FARLO CRESCERE NON È UN GIOCO

Instagram
Photo by freestocks.org on Unsplash

Ne ho sentite davvero di tutti colori e, a quanto pare, far crescere l’account aziendale su Instagram è una delle domande più frequenti da parte dei clienti. Partiamo mettendo in chiaro due cose:

  1. il numero di follower è una vanity metrics, ovvero un metro di giudizio che, preso singolarmente, non ha alcun valore e serve soltanto a pompare il proprio social ego;
  2. gli utenti sono persone esattamente come te. Il modo migliore per creare un seguito di follower reali e interessati al tuo prodotto/servizio è creare e pubblicare contenuti di qualità pensati per il tuo business e per la tua target audience.

Se ci pensi bene, anche tu fai parte della target audience di qualche azienda. Pensa ai tuoi hobbies e alle tue passioni: ti piace cucinare o fare sport? Guardi film e serie tv? O magari ti piace il bricolage o l’interior design? Molto probabilmente, a seconda dei tuoi interessi, rientrerai nella target audience (ma probabilmente anche in tutte!) di Netflix, di Sky Sport, di Giallo Zafferano o di Ikea e così via. Se non ti basta, pensa che potresti rientrare anche in tutte quelle audience in cui i pochi parametri sono uomo/donna, under/over 40, italiano.

Tratta il tuo target come vorresti essere trattato tu

Quali sono i motivi per cui decidi di seguire o smettere di seguire un account su Instagram? Probabilmente ci tieni a vedere nella tua home dei contenuti di qualità, di tuo interesse, in linea con il tuo stile di vita e con le tue passioni.
Per il tuo target di riferimento è esattamente la stessa cosa!
Se non ti piace essere bombardato di pubblicità “Comprami, comprami!” non farlo a tua volta, ma concentrati piuttosto su contenuti di valore da proporre a chi ti segue. Perché un utente/cliente dovrebbe scegliere te? Cosa hai di diverso rispetto ai tuoi competitors?

Attento ai falsi!

Se l’account Instagram di un’azienda che segui o di qualche tuo collega ha tanti follower, non pensare subito che ne sappia tanto, o che possa aiutarti e darti consigli su come migliorare. Parti dal presupposto che la comunicazione social è un lavoro. Difficilmente chi non si affida a un professionista sarà in grado di darti dei consigli sensati. Ovviamente è possibile che questa azienda abbia fatto giusti passi per migliorare la propria visibilità e notorietà on-line, ma se non conosci la strategia e gli investimenti che ci sono dietro, non fidarti e non guardare solo il numero di follower.
Per farti un’idea di quanto sia pulita la fan base in questione, prova a fare un veloce rapporto tra i like/commenti ricevuti ai singoli post, il numero di follower e il numero di following. Se il numero di following e follower è pressoché uguale, ecco che la logica “#followforfollow” appare più evidente.
Se in una pagina con oltre 10mila follower i like, ai singoli post, sono circa 20-30, è probabile che quella fan base non sia proprio pulita. Di conseguenza, molti di quegli utenti potrebbero non essere interessati al prodotto o servizio di quella pagina. Il web è pieno di fake account ed esistono tantissimi servizi che ti permettono di acquistare follower: diffida sempre da entrambi!

A tal proposito crediamo sia importante fare una precisazione: non fidarti di chi ti propone di acquisire nuovi fan pagando. Quello di cui le aziende hanno realmente bisogno sono i contenuti di qualità che riescano ad intercettare e coinvolgere vecchi e nuovi utenti. Se hai un budget da investire, non sprecarlo in acquisto di follower. Investilo, piuttosto, affidando la comunicazione a professionisti del settore, in grado di creare contenuti di valore e di valutare una strategia su misura per la tua azienda.

5 consigli pratici e utili per Instagram

Fatte queste precisazioni, proverò a darti qualche utile spunto di riflessione per migliorare le pubblicazioni sul tuo account Instagram.

  1. Nome, informazioni del profilo e foto. La presentazione conta tantissimo e spesso determina la prima impressione che un utente avrà di te e della tua azienda. Utilizza come foto il tuo logo ufficiale e assicurati che si veda bene. Scrivi con cura una breve bio da inserire nel tuo account e scegli un nome utente che corrisponda al nome della tua azienda evitando, se possibile, punti, trattini o numeri.
  2. Account collegati. Assicurati di avere un account business collegato a Facebook e monitora costantemente gli insight, per capire quali sono i contenuti che il tuo pubblico apprezza maggiormente e quali sono i giorni e gli orari migliori per pubblicare.
  3. Interagisci, interagisci e interagisci con i tuoi utenti. Rispondi, cerca nuovi account da seguire il linea con il tuo settore e commenta in maniera sensata.
  4. Geolocalizzazione. In alcuni casi, soprattutto nel caso di negozi, attività, ristoranti o servizi legati ad una singola città, può essere molto utile la geolocalizzazione che permetterà alle persone della tua zona di trovarti.
  5. Contenuti esclusivi. Tira fuori l’aspetto umano della tua azienda e utilizza le stories per retroscena, offerte lampo, contenuti esclusivi. Dai ai tuoi utenti una buona ragione per seguirti.
“Content is King”

Abbiamo visto alcuni consigli utili, ma la regola più importante di tutte è che “Content Is King“. Concentrati sempre sulla qualità dei tuoi contenuti testuali e fotografici.

Ogni azienda ha bisogno di una strategia e di un piano editoriale ad hoc, pensato e realizzato su misura.

Non accontentarti di “sopravvivere” sui social, ma prova a fare la differenza. Richiedici un web check-up gratuito: analizzeremo il tuo account e ti daremo consigli personalizzati su come migliorare!

Mettici alla prova: http://bit.ly/Meti-web-check-up.